Studio di Ingegneria CEMLAB
Contattateci a info@cemlab.it o a +39 095 5187402
Vai ai contenuti

Un nuovo studio spagnolo correla misure di campo elettromagnetico e indicatori epidemiologici

CEMLAB
Pubblicato da ing. Davide Maria Palio in Ambienti di vita · 13 Febbraio 2021
Tags: campoelettromagneticomalditestavertiginisonnoincubi
Uno studio che ha messo in relazione indicatori epidemiologici sul benessere e sullo stato di salute delle persone che vivono in prossimità a stazioni radio base di telefonia mobile e il loro stato di esposizione a microonde è stato recentemente pubblicato sulla rivista Environmental Research. Lo studio è stato effettuato da Isabel Lopez e colleghi, del Politecnico di Madrid e di altre istituzioni spagnole. Di seguito l'abstract (tradotto).

Background: l'esposizione della popolazione generale alle radiazioni elettromagnetiche emesse dalle stazioni radio base di telefonia mobile è una delle maggiori preoccupazioni dei residenti interessati dalla vicinanza a queste strutture, a causa della possibile correlazione tra livelli irradiati e indicatori di salute.
Obiettivi: questo studio ha provato a cercare una possibile correlazione tra alcuni indicatori di salute e i valori di misura delle radiazioni elettromagnetiche.
Metodi: Un totale di 268 sondaggi, progettati dagli autori, sono stati amministrati ai residenti di un quartiere di Madrid circondato da nove antenne telefoniche e sono state effettuate 105 misurazioni della radiazione elettromagnetica con un analizzatore di spettro e un'antenna isotropica, in situ e in tempo reale, sia all'esterno che all'interno delle case.
Risultati: sono stati mostrati valori p statisticamente significativi riguardanti ​​presenza di mal di testa (p = 0,010), incubi (p = 0,001), intensità della cefalea (p <0,001), frequenza di vertigini (p = 0,011), frequenza degli episodi di instabilità (p = 0,026), numero di ore che una persona dorme al giorno (p <0,001) e tre dei nove parametri studiati per la stanchezza. Per quanto riguarda il cancro, è presente il 5,6% dei casi di cancro nella popolazione in studio, una percentuale 10 volte superiore a quella della popolazione spagnola totale. Discussione: le persone che sono esposte a valori di radiazioni più elevati presentano mal di testa, vertigini e incubi più gravi. Inoltre, dormono per meno ore.

Lo studio è stato condotto su richiesta di un'associazione di quartiere di Madrid (Colonia Fontarron, Vallecas) preoccupata per la vicinanza delle antenne alle loro case. L'indagine è stata progettata in proprio e si è focalizzata su indicatori di salute che possono essere sensibili all'esposizione a radiazioni elettromagnetiche, come la presenza di mal di testa, vertigini, parametri legati al sonno e alla stanchezza. Inoltre, l'indagine ha incluso domande sulla prevalenza di importanti malattie che la persona intervistata avrebbe potuto soffrire o di cui soffriva e l'anno in cui sono state diagnosticate.

I limiti di esposizione alle radiazioni elettromagnetiche dipendono dal paese, paesi come Spagna, Germania e Francia, basati su limiti ICNIRP, consentono limiti di esposizione di 4 500 000 μW / m2 per una frequenza di 900 MHz e 900 000 000 μW / m2 a frequenze di 1800 MHz. Altri come il Belgio (1 125 000 μW / m2 per 900 MHz, 2 250 000 μW / m2 per 1800 MHz), l'Austria (Salisburgo, 1 000 μW / m2 per 900 MHz e 1800 MHz) o la Svizzera (42 000 μW / cm per 900 MHz, 100 000 μW / cm2 per 1800 MHz) sono più restrittivi nell'impostazione dei limiti. Anche la Russia (24 000 μW / m2 per frequenze 900 MHz), la Cina (66 000 μW / m2 per frequenze 900 MHz) e l'Italia (100 000 μW / cm per frequenze 900 MHz) hanno limiti più restrittivi di ICNIRP.

Lo strumento di misura utilizzato è stato un analizzatore di spettro professionale collegato a un'antenna isotropica profesionale piazzata su un cavalletto di legno. In questo studio, non si sono seguite le regole di misure imposte dal CENELEC. Le misurazioni sono state registrate in un periodo di 10 minuti, con rivelatore di picco massimo, non medio, quindi i dati per l'analisi dei risultati considerano solo i valori di picco, la radiazione massima ricevuta da una persona situata nel punto di misurazione.

Nel modello multinomiale utilizzato, i valori di densità di potenza della radiazione sono divisi in tre gruppi: case con bassa esposizione (7–1775 μW / m2), case con esposizione media (> 1775–3543 μW / m2) e case con alta esposizione (> 3543– 5311 μW / m2). Gli autori hanno ricavato l'odds ratio (OR) e il corrispondente intervallo di confidenza del 95% (95% -CI), nonché il valore di probabilità (valore p) per i dati di esposizione media e alta, tenendo la categoria bassa esposizione come riferimento.

Nell'area esposta alle radiazioni, le misurazioni interne danno un radiazione media di 5,73 μW / m2. In quelle effettuate per strada, valori medi di intensità di radiazione di 14,3 μW / m2. Per quanto riguarda l'area di controllo, il valore medio di radiazione per le misurazioni in interni è di 1,18 μW / m2. Nelle misurazioni effettuate su strada nel controllo area, si ottiene un'intensità di radiazione media di 1,68 μW / m2.

La tabella 7 dell'articolo riporta i risultati statistici ottenuti attraverso una regressione binomiale per mettere in relazione l'intensità della radiazione ricevuta e gli indicatori di salute. Vengono presentati i valori OR, con un livello di confidenza del 95% e la significatività attraverso il valore p. La densità di potenza della radiazione è divisa in tre gruppi: case con bassa esposizione (7–1775 μW / m2), case con esposizione media (> 1775–3543 μW / m2) e case con alta esposizione (> 3543–5311 μW / m2) . Viene calcolato un modello grezzo prendendo come riferimento la categoria a bassa esposizione.

Risultati statistici esposizione elettromagnetica studio Lopez, 2021

Sul totale della popolazione dello studio, appaiono il 5,6% di casi di cancro, con un totale di 17 casi registrati, una percentuale quasi 10 volte superiore a quella della popolazione spagnola totale, che è dello 0,6%. In questo studio gli autori dichiarano che non è stato possibile estrarre dati conclusivi sullo sviluppo di questa patologia poiché il numero di casi che si verificano nell'area di controllo e nelle area più esposte sono pochi rispetto alla popolazione totale.

Riporto le conclusioni dello studio:

  In conclusione, i dati ottenuti mostrano che esiste una relazione tra la densità di potenza delle radiazioni che una persona riceve in casa ogni giorno e la presenza di mal di testa, come pure la presenza di disturbi del sonno. Le persone che ricevono dosi più elevate di radiazioni dormono meno ore e hanno incubi notturni. Inoltre, queste persone soffrono di mal di testa di maggiore intensità e sono più inclini alle vertigini. In questo studio, non è stato possibile correlare indicatori come episodi di svenimento, presenza di tachicardie o instabilità. Non sono stati trovati risultati conclusivi per l'affaticamento, poiché, su nove parametri studiati, è stata trovata una relazione statisticamente significativa in solo tre di questi. Lo studio di come i campi elettromagnetici influenzano la salute, non dovrebbe essere fatto solo in relazione al cancro, ma anche agli indicatori di salute relativi al quotidiano.
  La metodologia per ottenere le misurazioni della radiazione elettromagnetica dovrebbe essere rivista, le misurazioni della radiazione media descritte nello standard CENELEC non sono le più appropriate, dovrebbero essere eseguite in una banda stretta e con misurazioni del picco massimo.
  L'intensità misurata dipende fondamentalmente dalla direzione del fascio di radiazione principale e non tanto dalla distanza dall'antenna. Nella direzione del fascio si riscontrano differenze in presenza di patologie rispetto alle distanze, quando queste sono maggiori di 200 m. Anche a questa distanza, la popolazione continua a ricevere picchi di radiazioni, per cui nessuno è esente dall'esposizione a queste sorgenti di radiazioni.
  L'esigenza di questo studio è correlata alla situazione prima del 5G in termini di esposizione alla radiazione elettromagnetica. Questo studio potrà essere confrontato con le nuove procedure di irradiazione che saranno adottate in breve tempo.

Seguono alcune sintetiche osservazioni personali:
  • realizzare studi ecologici come questo non è particolarmente costoso o complesso, ma sono poche le istituzioni di ricerca che ne hanno effettuato di analoghi. Gli esiti dello studio confermano quello che tutti i tecnici delle misurazioni quotidianamente impegnati nel loro lavoro conoscono già, per avere raccolto anedotticamente una serie di feedback diretti dai residenti delle abitazioni misurate;
  • la metodologia per le misurazioni di radiazione elettromagnetica utilizzata dagli autori è molto vicina a quella insegnata nelle scuole di bioarchitettura e utilizzata dai tecnici da loro formati e considera la misura dei valori di picco dei diversi segnali tecnici irradiati, una tecnica che più consona per valutare gli effetti biologici procurati dall'irradiazione;
  • il gruppo di controllo di popolazione utilizzato dagli autori non è immune da esposizioni a microonde rilevanti, tuttavia nella loro analisi gli autori hanno ugualmente trovato un incremento significativo degli indicatori di salute considerati, avendoli utilizzati come riferimento di confronto con i gruppi di popolazione più esposti;
  • con l'introduzione della tecnologia 5G e in particolare delle microcelle e delle antenne attive Massive MIMO con fasci dinamici di irradiazioni, sarà probabilmente più difficile trovare correlazioni nette nella popolazione tra esposizioni a microonde e problemi di salute, in quanto gli scenari espositivi diventeranno molto più complessi e difficili da modellizzare, ma i problemi di salute non diminuiranno.








2
recensioni
Andrea
16 Feb 2021
Buongiorno, Lei ha scritto che i luoghi che hanno altissima esposizione hanno un'intensità di 5300 uW/m^2, il che corrisponde a 1,4 V/m. Mediamente gli interni delle case hanno un'esposizione di 5,73 uW/m^2, il che corrisponde a 0,04 V/m. Giusto? Con che livello di confidenza e incertezza ritiene attendibili questi bassi valori? Grazie
ing. Davide Maria Palio
16 Feb 2021
Andrea, mi sono limitato a riportare quanto scritto nell'articolo, non ho accesso ai dati grezzi. Ho chiesto agli autori dettagli per comprendere meglio la loro distribuzione statistica. Non escludo a priori che non possano esserci errori. Gli strumenti di misura che hanno usato sono professionali e l'incertezza estesa con livello di confidenza a 95% tipicamente non supera 3 dB, considerando tutta la catena di misura.
© 2012-2021 CEMLAB P.IVA 05140770875. Tutti i diritti riservati
Torna ai contenuti