Enti territoriali e e inquinamento elettromagnetico - problematiche - CEMLAB

Vai ai contenuti
Problematiche
Enti territoriali: problematiche
In generale, i singoli comuni non dispongono di uffici tecnici in grado di fronteggiare i gestori di reti di telecomunicazioni e di trasporto dell'energia elettrica su un piano strettamente tecnico e nella maggior parte dei casi si limitano a seguire l'iter burocratico delle richieste di autorizzazione di impianti di telecomunicazioni su un piano formale senza la possibilità di entrare nel merito delle richieste avanzate, anche se ricadente nelle loro competenze. In molti casi, il comune non risponde nei tempi assegnati dalla legge e l'autorizzazione matura per silenzio-assenso, senza che sia stata eseguita un'analisi completa.

Spesso, i singoli comuni non hanno neanche disponibile la situazione aggiornata e geolocalizzata delle sorgenti di campo elettromagnetico autorizzate secondo un quadro organico e coerente. Tale stato di cose non permette una chiara visione delle criticità esistenti e non facilita la gestione e la pianificazione delle nuove installazioni e dei potenziamenti richiesti dai gestori, attività potenzialmente assegnate al comune.
comma6 art. 8 legge 36/2001
In vari casi, il regolamento che è stato adottato dal comune secondo la Legge 36/2001 contiene, impropriamente, prescrizioni arbitrarie - ad esempio vincoli generici di distanza o divieti generalizzati sul territorio - che risultano, alla prova di un confronto davanti al TAR, facilmente impugnabili, per cui nel passato molti confronti giudiziari si sono risolti a favore dei gestori, causando spesso la sfiducia nell'utilizzo di questo strumento legislativo.


carrello
Torna ai contenuti