Studio di Ingegneria CEMLAB
Contattateci a info@cemlab.it o a +39 095 5187402
Vai ai contenuti

Il 5G sta testando i limiti della fiducia

CEMLAB
Pubblicato da ing. Davide Maria Palio in Attualità · 17 Aprile 2021
Tags: 5GICNIRPLeszczynskisalute
Riporto di seguito la traduzione integrale dell'interessante nota scritta dal Dr. Dariusz Leszczynski, "5G is testing the limits of trust".


Nel 2020, la Commissione internazionale per la protezione dalle radiazioni non ionizzanti (ICNIRP) ha pubblicato linee guida di sicurezza aggiornate per l'esposizione alle radiazioni a radiofrequenza (RF-EMF) emesse da dispositivi e reti di comunicazione wireless, come telefoni cellulari o stazioni base di telefoni cellulari. Questa pubblicazione ha sostituito le linee guida ICNIRP 1998 RF-EMF.

Queste linee guida, raccomandate dall'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), sono state adottate dalla maggior parte dei paesi in tutto il mondo, diventando parte del loro quadro normativo per la radiofrequenza. Gli Stati Uniti utilizzano le linee guida IEEE / ICES e FCC, ma cercano di "armonizzarsi" con le linee guida ICNIRP.

Sicurezza secondo ICNIRP
Il principio fondamentale alla base di queste linee guida sulla sicurezza è che, secondo l'ICNIRP, gli unici effetti sulla salute provati indotti da questo tipo di esposizione alle radiazioni sono quelli che si verificano quando la temperatura del tessuto umano viene aumentata di oltre 1 grado Celsius - i cosiddetti effetti termici.

Quando la temperatura del tessuto umano non aumenta di oltre 1 grado Celsius, l'ICNIRP considera la radiazione innocua per la salute umana. A loro avviso, l'intensità delle radiazioni emesse dai dispositivi wireless che soddisfano le linee guida di sicurezza dell'ICNIRP non è sufficiente a causare un aumento della temperatura nei tessuti umani con effetti dannosi per la salute. Inoltre, secondo la revisione scientifica dell'ICNIRP, non ci sono effetti comprovati che si verificano senza un tale aumento della temperatura.

Dato che ICNIRP ritiene che solo gli effetti termici dell'esposizione alle radiazioni possano causare effetti sulla salute, ICNIRP ha progettato linee guida di sicurezza per proteggere gli utenti da qualsiasi effetto termico che potrebbe influire sulla salute. Secondo l'ICNIRP, la prevenzione degli effetti termici in base ai limiti di sicurezza attualmente utilizzati è sufficiente per proteggere la salute di tutti gli utenti.

Tuttavia, esiste un lungo elenco di effetti biologici osservati sperimentalmente negli animali o nelle cellule coltivate in laboratorio, che sono stati indotti da esposizioni a radiazioni a radiofrequenza a livelli ben al di sotto degli attuali limiti di esposizione fissati dall'ICNIRP. Gli scienziati temono che se tali effetti non termici dovessero verificarsi negli utenti, potrebbero portare a effetti sulla salute.

Secondo la comprensione della scienza da parte dell'ICNIRP, questi effetti non termici non dovrebbero verificarsi. Tuttavia, a meno che tutti gli scienziati che osservano gli effetti non termici non abbiano allucinazioni, c'è qualcosa di sbagliato nella valutazione delle prove scientifiche da parte dell'ICNIRP.

Le linee guida dell'ICNIRP, oltre a essere impostate per prevenire solo gli effetti termici, si basano anche su esposizioni acute a breve termine (da minuti a ore). Le linee guida non forniscono informazioni sul fatto che saranno protettive per esposizioni continue e di lungo termine, quelle che durano da mesi a decenni. Pertanto, mentre sono disponibili ricerche pubblicate sugli effetti acuti, quelli che si verificano durante o subito dopo l'esposizione, c'è pochissima ricerca sulle esposizioni croniche a lungo termine. Ciò suggerisce che l'applicazione delle linee guida ICNIRP alle esposizioni a lungo termine si basa su una assunzione di sicurezza e non su prove scientifiche.

Le linee guida ICNIRP vengono anche promosse come protettive per tutti gli utenti, indipendentemente dalla loro età o stato di salute. L'ICNIRP afferma che, sia che si tratti del corpo in crescita e in via di sviluppo di un bambino piccolo, del corpo malato di una persona anziana con malattie croniche o potenzialmente letali, o del corpo robusto di un adulto giovane e sano, tutti sono ugualmente protetti.

Poiché la sperimentazione sugli esseri umani è limitata, per ovvie ragioni etiche, dobbiamo guardare agli studi epidemiologici per esaminare gli effetti a lungo termine delle esposizioni nelle persone. Questi studi sugli effetti biologici a lungo termine e sulla salute possono richiedere molti anni per essere completati e spesso presentano limitazioni del mondo reale, quindi sono pochi gli studi completati da cui attingere. Ciò significa che non ci sono molte prove scientifiche che garantiscano che le linee guida di sicurezza dell'ICNIRP si applichino a tutte le persone, indipendentemente dalla loro età o stato di salute, e non importa da quanto tempo hanno utilizzato dispositivi wireless. Suggerisce, ancora una volta, che l'applicazione delle linee guida ICNIRP allo stesso modo a giovani e anziani, sani e malati, si basa esclusivamente sull'assunzione di sicurezza e non sulle prove scientifiche disponibili.

Il funzionamento dell'ICNIRP
Guardando l'appartenenza all'ICNIRP, è facile notare che tutti i membri hanno opinioni molto simili sulla questione della radiofrequenza e salute. Tutti i membri dell'ICNIRP hanno espresso quasi la stessa opinione, che l'esposizione a radiofrequenza è assolutamente e completamente sicura per l'uso da parte di tutti, purché i suoi livelli siano entro i limiti di sicurezza consigliati dall'ICNIRP.  È interessante notare che le valutazioni scientifiche degli esperti dell'ICNIRP sono spesso contraddette da ricercatori non coinvolti nelle attività dell'ICNIRP. Ancora più interessante, i membri dell'ICNIRP, quando inseriti in vari comitati scientifici nazionali in compagnia di altri scienziati, non ICNIRP, a volte arrivano a conclusioni che contraddicono le opinioni dell'ICNIRP.  Di recente, queste opinioni in disaccordo sono state pubblicate da:

Per la maggior parte degli utenti della tecnologia wireless, ICNIRP è semplicemente un acronimo. Gli viene detto che l'ICNIRP riguarda solo la scienza, e che siano privi di qualsiasi influenza, che provenga dall'industria o dagli organismi governativi di regolamentazione delle radiazioni. Tuttavia, non molti utenti sono consapevoli di come funziona l'ICNIRP in pratica. Si tenga conto che:

1. L'ICNIRP è un gruppo di circa una dozzina di scienziati che affermano di non rappresentare nessun altro se non sé stessi.

2. L'ICNIRP dichiara di essere priva di qualsiasi influenza di lobbismo da parte dell'industria e delle organizzazioni nazionali di protezione dalle radiazioni.

3. I membri in pensione dell'ICNIRP vengono sostituiti da nuovi membri selezionati dai membri attuali.

4. I criteri di selezione dell'ICNIRP e le loro giustificazioni per la selezione di nuovi membri particolari non sono disponibili al pubblico. Solo i membri dell'ICNIRP sanno perché una persona è stata selezionata per entrare a far parte del loro gruppo.

5. L'ICNIRP non è responsabile nei confronti di alcuna entità per le decisioni scientifiche che prendono.

6. Nessuno può controllare come ICNIRP arrivi alle linee guida di sicurezza raccomandate.

7. Non vi è alcuna supervisione delle attività dell'ICNIRP da parte di nessuno.

8. L'ICNIRP non ha alcuna responsabilità legale per i loro pareri scientifici.

La responsabilità legale
Le linee guida sulla sicurezza dell'ICNIRP sono ciò che dicono, solo linee guida. Nessuno è legalmente obbligato a usarle. Ciò significa che anche se le linee guida si dimostrassero errate, nessuno potrebbe legalmente citare in giudizio l'ICNIRP per questo errore.

L'industria delle telecomunicazioni e le organizzazioni nazionali di protezione dalle radiazioni, tuttavia, nella scelta di utilizzare le linee guida di sicurezza ICNIRP, diventano legalmente responsabili per qualsiasi rischio per la salute causato dai dispositivi che emettono radiazioni che producono, anche se sono conformi alle linee guida ICNIRP. Una volta che le telecomunicazioni e le organizzazioni nazionali di protezione dalle radiazioni accettano e utilizzano le linee guida di sicurezza dell'ICNIRP, sono loro, e non l'ICNIRP, ad avere la responsabilità legale nel caso in cui si dimostrasse che i dispositivi causano danni alla salute.

In breve, i membri dell'ICNIRP sono responsabili solo davanti a Dio e alla storia per qualsiasi decisione giusta o sbagliata che l'ICNIRP possa prendere.

Per comprendere il significato di questa completa mancanza di supervisione o controllo delle attività dell'ICNIRP, è necessario ricordare che le linee guida sulla sicurezza sviluppate dall'ICNIRP sono le uniche linee guida utilizzate dall'industria che produce e gestisce l'hardware e l'infrastruttura di comunicazione wireless nella maggior parte del mondo.

In sostanza, le linee guida sulla sicurezza dell'ICNIRP giustificano il funzionamento dell'industria delle telecomunicazioni, che nel 2019 ha avuto un valore annuale, a livello globale, di circa 1,74 trilioni di dollari - ICNIRP, l'organizzazione che rivendica la totale indipendenza da qualsiasi interesse esterno, che agisce senza alcun controllo o supervisione esterni, e che non è responsabile verso nessuno delle sue decisioni scientifiche.

Sicurezza ICNIRP e 5G
L'implementazione attualmente in corso della nuova quinta generazione di comunicazioni wireless, 5G, ha ulteriormente stimolato il dibattito sulla validità delle linee guida di sicurezza dell'ICNIRP.

La novità nelle comunicazioni wireless 5G è l'uso di onde millimetriche, con frequenze da oltre 20 GHz fino a 300 GHz. Sebbene le onde millimetriche possano trasferire grandi quantità di dati, hanno un problema con la distanza a cui possono essere trasmesse e con i limiti della loro capacità di penetrazione. Ciò causerà una distribuzione molto densa di stazioni base (antenne cellulari) in tutti i quartieri (all'incirca, una piccola stazione base ogni due lampioni) e richiederà stazioni base all'interno degli edifici. Ciò significa che in pochi anni, quando il 5G sarà completamente distribuito, gli ambienti cittadini saranno virtualmente saturati dalla radiazione a onde millimetriche.

L'ICNIRP, nelle sue linee guida sulla sicurezza 2020, ci assicura che la salute degli utenti sarà completamente protetta. Tuttavia, come fa l'ICNIRP a saperlo?

La ricerca sulle onde millimetriche e sulla salute è estremamente limitata. Diverse revisioni scientifiche pubblicate di recente hanno cercato in varie banche dati e hanno trovato solo un numero molto limitato di studi che trattano gli effetti sulla salute delle onde millimetriche. La stragrande maggioranza della scienza pubblicata sulle onde millimetriche 5G si occupa di misurazioni delle radiazioni e dosimetria, non degli effetti biologici e della salute.
  • Nel 2019, Simkó e Mattsson hanno pubblicato una recensione di soli 97 studi sperimentali.
  • Nel 2020, Leszczynski ha pubblicato una recensione di soli 99 studi sperimentali.
  • Nel 2021, Karipidis et al. ha pubblicato una revisione di soli 107 studi sperimentali.

La maggior parte di questa ricerca sulle onde millimetriche consiste in piccoli studi in vitro o su animali che hanno un valore pratico basso quando si sviluppano linee guida per la protezione della salute pubblica. Questa mancanza di studi di ricerca causa confusione e problemi all'interno delle comunità. Quando gli utenti chiedono le prove scientifiche degli effetti delle onde millimetriche 5G sulla salute, non ottengono risposte perché la ricerca non è stata fatta. Non è possibile dimostrare che il 5G sia sicuro. Tuttavia, sarebbe possibile eseguire un numero sufficiente di studi di ricerca sul 5G e sulla salute per mostrare se gli effetti sulla salute sono minimi o addirittura trascurabili. Ora come ora tali prove scientifiche non esistono.

Tuttavia, è interessante e preoccupante allo stesso tempo vedere che  il presidente dell'ICNIRP Rodney Croft, professore di psicologia presso l'Università di Wollongong in Australia, ha recentemente dichiarato in un'intervista a "The Feed" sulla TV australiana il 16 giugno 2020:

"Non ci sono danni associati al 5G"

"Guarda, è verissimo che la quantità di studi che esaminano specificamente il 5G è molto limitata, ma da una prospettiva scientifica questo non è rilevante"

In sintesi,

  • L'ICNIRP è un'organizzazione che funziona senza alcun controllo o supervisione, sia scientifica che legale.
  • Non vi è alcun controllo sul fatto che l'industria delle telecomunicazioni o le organizzazioni nazionali di protezione dalle radiazioni stiano attivamente facendo pressioni sull'ICNIRP.
  • L'ICNIRP banalizza la mancanza di ricerca sulle onde millimetriche e sulla salute 5G, come espresso dal presidente dell'ICNIRP.
  • Le opinioni espresse e le decisioni prese dai membri dell'ICNIRP sono considerate non sufficientemente basate sulla scienza dai gruppi scientifici nazionali di diversi paesi, così come da un certo numero di eminenti scienziati.
  • Sebbene i membri dell'ICNIRP non abbiano alcuna responsabilità legale per le loro opinioni scientifiche, l'industria delle telecomunicazioni che utilizza le linee guida di sicurezza ICNIRP per i loro prodotti ha la responsabilità legale nel caso in cui i loro dispositivi causino danni alla salute.

In questa situazione scientificamente e legalmente complessa, c'è un'urgente necessità di eseguire una convalida indipendente dei risultati della revisione scientifica dell'ICNIRP e della validità delle linee guida di sicurezza dell'ICNIRP.

**********
Ringraziamenti: sono grato a M.M. Glaser per l'editing in inglese.

Fonti di questo articolo:


0
recensioni
© 2012-2021 CEMLAB P.IVA 05140770875. Tutti i diritti riservati
Torna ai contenuti