Inquinamento elettromagnetico - Elettrodotti in media e alta tensione - CEMLAB

Vai ai contenuti
Servizi > Valutazione sorgenti

Elettrodotti

Con il termine elettrodotto si intende una infrastruttura per trasportare l'energia elettrica.
Gli elettrodotti che in generale presentano maggiore impatto ambientale sono quelli aerei in alta o altissima tensione che trasportano l'energia dalle centrali di produzione verso l'utenza. Queste linee consistono tipicamente in cavi nudi tenuti da opportuni isolatori a debita distanza reciproca (a causa dell'alta tensione). Essi perturbano sia il campo elettrico che il campo magnetico delle zone che attraversano.
 
Il campo elettrico è causato dalla tensione dei  conduttori, è facilmente perturbato dagli elementi prossimi alle linee  (lampioni, alberi, case, etc.). All'interno delle case prossime a linee ad  alta tensione, il campo elettrico dovuto all'elettrodotto è generalmente  mitigato dall'involucro della casa.
 
Il campo magnetico risultante è invece causato  dall'intensità delle correnti circolanti sulle linee e anche dallo  squilibrio delle correnti tra le fasi.
 
Sia il campo magnetico in bassa frequenza che il campo elettrico in  bassa frequenza provocano effetti biologici sugli esseri viventi. Ma  finora si sono maggiormente studiati gli effetti del campo magnetico. Vari  studi epidemiologici hanno riscontrato un aumento del rischio di contrarre  patologie tumorali (in particolare leucemia infantile) con esposizioni  croniche superiori a 0.3 microTesla.
 
La legge italiana stabilisce una fascia di rispetto  attorno elettrodotti, variabile a seconda della tipologia dello stesso (incluse le cabine elettriche secondarie e primarie). Il  principio stabilito è che nello spazio circostante l'elettrodotto in cui,  quando circolano le correnti massime che l'elettrodotto può portare, si  ottengono livelli di campo magnetico superiori a 3 microTesla,  è proibito edificare nuove costruzioni.
La distanza di prima approssimazione (DPA) è una distanza dall'asse dell'elettrodotto o dalle pareti esterne della cabina su pianta che garantisce l'osservanza della fascia di rispetto: è un dato più semplice da gestire della fascia di rispetto (tridimensionale) ed è generalmente comunicato dal gestore.
La fascia di rispetto può essere calcolata tramite modellazione dell'elettrodotto o della cabina elettrica. Può anche essere stimata tramite un procedimento di misura appositamente definito per gli elettrodotti, che tiene conto delle correnti circolanti sulle linee durante le misure di campo magnetico.

I contrassegni alla base dell'elettrodotto possono servire a reperire dati peculiari della linea.

Misure all'interno della fascia di rispetto di una linea ad alta tensione a singola terna a 132 kV.

Cabina elettrica di trasformazione media tensione/bassa tensione
carrello
Torna ai contenuti