Inquinamento elettromagnetico - schermatura - CEMLAB

Vai ai contenuti
Servizi > Mitigazione

Mitigazione a radiofrequenza

La corretta procedura per mitigare l'esposizione umana da campi elettromagnetici a radiofrequenza in ambienti di vita non può fare a meno di raccogliere preliminarmente un quadro chiaro e completo delle sorgenti e dei loro livelli di immissione.

Saltare questa fase essenziale di misura, operando alla cieca senza dati strumentali affidabili di partenza, può significare andare incontro a fallimenti parziali o totali nell'obiettivo prefissato, che per inciso ci capita di vedere e di misurare.
 
In Italia esiste poca informazione anche sul tema della schermatura elettromagnetica in ambienti di vita. Cemlab non deve vendervi alcun prodotto di schermatura, nè tessuti nè vernici nè qualunque altro materiale. Ci interessa unicamente offrire un servizio di consulenza di livello professionale e soluzioni di mitigazione reali ed efficaci, nell'interesse del nostro cliente.
La terza edizione  del libro in lingua tedesca sulla riduzione dell'esposizione in radiofrequenza del Prof. Peter Pauli e del Dr. Ing. Dietrich Moldan, pubblicata nel Maggio 2015, menziona ben 150 materiali commerciali che possono essere utilizzati per realizzare schermature domestiche in alta frequenza. Il libro, rivolto a professionisti tecnici di Baubiologie, descrive le caratteristiche di attenuazione certificate secondo la norma IEEE299 di questi prodotti nell'intervallo di frequenza da 300 MHz a 10 GHz. Esiste infatti una grande offerta di prodotti sul mercato e, a seconda della situazione espositiva  specifica da mitigare, solo un tecnico specializzato può selezionare il prodotto più appropriato e soprattutto testarne con mezzi strumentali le prestazioni della mitigazione in opera.
Pauli Moldan - Reduzierung hochfrequenter Strahlung im Bauwesen: Baustoffe und Abschirmmaterialien

Generalità

 
Il metodo più semplice per mitigare le emissioni in radiofrequenza consiste nell'allontanarsi quanto più possibile dalla sorgente (effetto fisico di divergenza) e di frapporre barriere nel cammino di propagazione delle onde. Dove questo non basta a raggiungere l'obiettivo desiderato, si ricorre alla realizzazione di involucri. Sia le barriere che gli involucri utilizzano i principi fisici di riflessione e di assorbimento delle onde.
 
Tra le tipologie di prodotti utilizzati per questi scopi troviamo:

  • vetri o pellicole schermanti
  • vernici schermanti
  • tessuti schermanti
  • rivestimenti assorbenti
  • guarnizioni schermanti

La scelta dei materiali adatti, a seconda delle frequenze delle sorgenti predominanti e del particolare ambiente è solo uno dei passi preliminari. La posa in opera è l'elemento più importante dell'intervento. Le situazioni di partenza e i risultati intermedi e di arrivo vengono valutati quantitativamente tramite strumenti idonei e misure CEM a banda stretta. L'efficienza schermante si definisce come:

L'efficienza schermante della soluzione in opera è in generale ben diversa dall'efficienza schermante del prodotto commerciale usato, confrontati alla stessa frequenza.
 
Il decibel è il formato comunemente utilizzato per indicare attenuazioni e fattori di riduzione, visto che le intensità di partenza delle immissioni ambientali di campo elettromagnetico possono differire di molti ordini di grandezza, e che risulta conseguentemente poco agevole indicarle numericamente con valori lineari. Volendosi esprimere in termini lineari, una efficienza schermante di 10 dB corrisponde a una riduzione del 90%, una di 20 dB del 99%, una di 30 dB del 99.9% e così via. Una efficienza di 100 dB (realizzata in contesti particolari, quali locali medici per risonanza magnetica nucleare) corrisponde al 99.99999999%, ovvero un'attenuazione di dieci miliardi di volte tra valore iniziale e finale.

Alcuni falsi miti da sfatare

Il principio fisico della mitigazione è brevettato
Possono essere soggetti a brevetto particolari   costruttivi, natura e composizione dei materiali. I principi fisici non si brevettano.
Il collegamento a terra della schermatura è inutile
Il collegamento elettrico al potenziale di terra in generale ha una funzione nella schermatura del campo elettrico in bassa frequenza.
La bontà della mitigazione risiede solo nel prodotto
In pratica è la posa in opera a essere determinante, il prodotto di base è solo un elemento di cui tenere conto nel progetto.
Schermare i campi in alta frequenza è semplice
In realtà non lo è: il punto chiave è l'efficacia schermante raggiunta, che può anche   alla fine risultare numericamente trascurabile.
Schermare è sempre la soluzione
No, in diversi casi la soluzione consigliabile può consistere in altri provvedimenti, quali il distanziamento e l'evitamento.
Schermi la casa una volta e non ci pensi più
Le situazioni espositive esterne cambiano, le   emissioni interne all'ambiente ad alto impatto possono mutare senza preavviso.
Hai trovato utili queste informazioni?
A) No, troppo complicate
B) Abbastanza
C) Molto
carrello
Torna ai contenuti